“Cannabis non solo fumo”: in un libro il mondo della cannabis a 360 gradi

“Cannabis non solo fumo”: in un libro il mondo della cannabis a 360 gradi

 

 

“Cannabis non solo fumo”: in un libro il mondo della cannabis a 360 gradi

Presentiamo volentieri l’ultimo lavoro di Bernardo Parrella, edito da Stampa Alternativa. Un’interessante ricerca a 360 gradi nel mondo della cannabis, con particolare attenzione alla situazione e all’antiproibizionismo nel nostro Paese:

 

 

 

La storia di questa pianta millenaria inizia nella notte dei tempi e continua ancora oggi in mille forme, in ogni angolo del pianeta. La sua cultura è indissolubilmente intrecciata con quella dell’umanità: ci ha agevolato nella condivisione di risorse e conoscenze, nelle esperienze interiori o religiose, ha favorito la nostra capacità di pensare autonomamente e la collaborazione fra umani nei momenti di bisogno, passando per le molteplici espressioni creative e artistiche, con la promessa di future applicazioni.

 

Oltre a ribadire e ampliare questi aspetti, il libro illustra dinamiche ed effetti dell’era proibizionista avviata nel mondo dopo il 1961 e pone rinnovata attenzione alla recente scena statunitense, con gli sviluppi sulla cannabis terapeutica nei molti Stati Usa che la prevedono, l’avvento diffuso della hemp industry e le prime implementazioni dell’uso ricreativo in Colorado e Washington.

 

Insieme a notizie dal resto del mondo, il testo include un esteso capitolo sulla situazione italiana, con informazioni di eventi e progetti a livello medico, industriale, imprenditoriale e politico, a riprova di un fronte antiproibizionista variegato e partecipato anche via Internet.

 

Né manca lo spazio per la voce dei protagonisti, incluse le testimonianze di pazienti che usano marijuana terapeutica, proposte di legge per la depenalizzazione e altro ancora. L’obiettivo complessivo è quello di offrire un panorama a 360 gradi su storia, cultura e situazione mondiale relativa alla cannabis, con particolari di prima mano e riferimenti poco noti soprattutto ai più giovani.

Scrivi commento

Commenti: 0